I CTI da Centri Territoriali per l’Integrazione scolastica a Centri Territoriali per l’Inclusione .

I CTI da Centri Territoriali per l’Integrazione scolastica a Centri Territoriali per l’Inclusione

Nel primo periodo della loro costituzione (anni 2003/2008) i CTI (allora Centri Territoriali per l'Integrazione scolastica)si sono occupati in prevalenza di interventi finalizzati all’integrazione scolastica degli alunni con disabilità L. 104 (ausili, sussidi, formazione). Col succedersi delle disposizioni a favore di alunni con DSA, nel tempo hanno acquisito anche compiti rivolti più in generale ai bisogni educativi speciali.

I CTI hanno subito ampia riorganizzazione a seguito della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 "STRUMENTI D’INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L’INCLUSIONE SCOLASTICA".

La Direttiva definisce compiti ed organizzazione dei CTI che assumono la nuova denominazione di "Centri Territoriali per l'Inclusione".

Il Centro Territoriale per l'Inclusione di Pesaro

Nell’anno 2013 i Dirigenti delle scuole della zona territoriale n. 1 hanno sottoscritto un nuovo PROTOCOLLO DI RETE, evidenziando:

- la necessità di sviluppare, in relazione alle azioni di inclusione dei soggetti con Bisogni Educativi Speciali, iniziative comuni tra le Istituzioni Scolastiche afferenti al CTI di Pesaro;

- la volontà delle Istituzioni Scolastiche di sviluppare attività didattico-organizzative, di ricerca e sperimentazione per lo sviluppo della cultura dell’Inclusione Scolastica, in un circuito che aggreghi più forze.

Informazioni aggiuntive